IL MIRACOLO DELLA BELLADONNA

Titolo: “L’erba della regina”

Autore: Paolo Mazzarello

Editore: Bollati boringheri

Pagine: 190

ISBN:978-88-339-2438-0

“Lo spazio si restringeva, il tempo rallentava. Era come se il corpo si trasformasse in una prigione, irrigidito su sè stesso. Il volto inespressivo, lento, senza mimica, come una maschera. La pelle lucida, cerea, lo sguardo assente, perso lontano verso spazi indefiniti. Per contro questa generale rarefazione della vita era stranamente contraddetta da segni esagerati del movimento. I globi oculari iniziavano improvvisamente a ruotare e la bocca si contorceva disegnando strani arabeschi, mentre la lingua si protendeva in tutte le direzioni. Oppure erano gli arti e il capo a scuotersi d’improvviso e a muoversi casualmente, tracciando archi bizzarri lungo percorsi privi di significato, senza alcun fine. Talvolta poi era l’intero corpo a essere dominato da un attacco epilettico. Una contraddizione motoria.”

È questo l’incipit con cui il Dott. Paolo Mazzarello inizia il racconto di una storia vera, purtroppo da molti dimenticata che dispiega tra l’Italia e la Bulgaria. La malattia che si stava propagando silenziosamente, dopo il primo conflitto mondiale, si chiamava encefalite letargica, colpiva i malati con i sintomi sopra descrittiuno causando inoltre uno stato di sonno profondo, simile a coma. La nuova malattia iniziava a far paura come la non ancora dimenticata “spagnola”.

Mentre i medici dell’epoca, in mancanza di una terapia efficace, potevano solo stare a guardare i reparti psichiatrici e neurologici riempirsi ad una velocità allarmante, in Bulgaria, di profonda tradizione fitoterapica, il guaritore Ivan Raev trattava con successo una donna affetta da encefalite letargica con una pianta potente e pericolosa:la  Atropa Belladonna.

Atropa-belladonna-446x500

Atropa Belladonna. Credits

In che modo una malattia sconosciuta, che stava mietendo sempre più vittime, si collega ad un guaritore bulgaro di un piccolo villaggio? Fu una nobile montenegrina con la passione per la medicina: Elena, regina d’Italia, moglie di Vittorio Emanuele. La regina venne a conoscenza di Ivan Raev e, forte della sua influenza e fiduciosa di questo nuovo trattamento, fu determinante nell’affrontare l’encefalite letargica rivoluzionando l’appraccio stesso alla malattia. Furono implementati i servizi medici per il recupero psicofisico dei malati: si affiancò la fisioterapia con la psicoterapia e le cure termali. L’Italia fu un modello per tutta Europa.

Il passato può ancora insegnarci qualcosa. Non per nulla l’autore è medico e professore di storia della medicina all’Università di Pavia e ha all’attivo numerose pubblicazioni e collaborazioni. “L’erba della regina”, pur ruotando attorno ad un tema strettamente medico, può essere affrontato senza paura anche da coloro che non hanno confidenza con la terminologia medica. Inoltre, è da sottolineare la presenza di una folta bibliografia: utile per un lettore interessato all’argomento ed indice di accuratezza storica e scientifica. Lo stile è semplice e scorrevole, perfettamente adatto all’impostazione narrativa scelta. Alla lettura, tra curiosità e suspance, ci dimentichiamo che sono storia e scienza e ci perdiamo contenti in un buon romanzo di cui conosciamo già la conclusione. Fortunatamente oggi non dobbiamo preoccuparci di una malattia come l’encefalite letargica, ma se dovesse ricomparire stiamo pur certi che, nello stesso momento, si riveleranno per la nostra salvezza, farmaci, medici e donne appassionate.

Buona lettura!

Vulp

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...