Singolar tenzone

Titolo: L’elettrone dimezzato

Autore: Gianfranco D’Anna

Editore: Edizioni Dedalo

ISBN: 978-88-220-1514-3

Pagine: 224

Il titolo di questo romanzo scientifico rimanda inequivocabilmente a “Il visconte dimezzato” di Italo Calvino, dove il protagonista è diviso nella sua parte buona e cattiva. In questo caso, invece, viene contesa la paternità tangibile di una minuscola particella, l’elettrone e la sua carica.

elettrone dimezzato

“l’elettrone dimezzato” di G. D’Anna. Credits

Siamo ad inizio Novecento e due sono le scuole di pensiero che animano la ricerca elettrica: chi sostiene che esista l’atomo e i suoi elettroni e chi invece è sicuro che non esista in quanto solo un modello teorico non verificabile.

Felix Ehrenhaft, giovane promettente professore austriaco, ha un obiettivo ambizioso: riuscire a dimostrare che l’elettrone esiste. Per farlo si serve degli articoli già pubblicati di Einstein e Perrin, del moto Browniano e dello strumento di misurazione di quest’ultimo, modificandolo per il nuovo studio. Dall’altra parte dell’oceano anche il poco stimato ma ambizioso professor Robert Millikan, ha deciso di dedicare la sua attenzione a questa ricerca, irta di pericoli.

Tra esperimenti e calcoli, Millikan e Ehrenhaft si danno battaglia. A chi andrà il merito di aver per primo dimostrato l’esistenza dell’elettrone?

Basandosi sulla vera storia della contesa tra due scienziati testardi e dalla forte personalità, Gianfranco D’Anna, fisico e scrittore, ne ordisce bene il confronto. La lettura procede alternando i capitoli tra Chicago e Vienna, seguendo le vicissitudini dei rispettivi laboratori. In un’epoca in cui non esistevano database come PubMed, il confronto, i congressi, la lettura degli articoli e anche il passaparola erano ancor più fondamentali per poter pubblicare e assicurarsi una carriera.

La lettura de “Lelettrone dimezzato” è piacevole, con quel pizzico di tensione che non guasta. Il glossario, che aiuta chi ha dimenticato il corretto significato di alcuni termini, e le indicazioni degli articoli scientifici consultati per la stesura del romanzo, ben si allineano con il concetto di “romanzo scientifico”. In conclusione, “L’elettrone dimezzato” è un buon romanzo, si legge senza sforzo, e mette in luce personalità meno conosciute rispetto ai famosissimi Einstein e Rutheford. Forse qualche lettore troverà amaro il lato più arrivista e competitivo dei due scienziati, ma D’Anna sa, come noi, che chi si occupa di scienza, sono tutti soltanto esseri umani.

Buon lettura!

Vulp

Annunci

7 Pensieri su &Idquo;Singolar tenzone

  1. Pingback: LIBRI PICCOLI PER (FUTURE) GRANDI MENTI | Darwin's bookmark

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...