Aforisma in orbita

<<La scienza non esclude gli errori; anzi, talora sono proprio questi a portare alla verità>>.
Jules Verne

 

Jules_Verne

Jules Verne- scrittore di fantascienza. Ritratto da Felix Nadar. Credit

Annunci

LE DONNE CHE CURANO

Titolo: “Le medichesse-la vocazione femminile alla cura”

Autrice: Erika Mederna

Casa editrice: Aboca

Pagine: 143

Cod ISBN: 978-88-95642-80-2

le-medichesse

Copertina de “Le Medichesse” . Credit to the author

Nei secoli la cura e i trattamenti cosmetici, soprattutto nel’ambito famigliare, sono sempre stati delegati alla donna, custode della tradizione medicale legata alla natura. Nonostante la figura femminile nel contesto medico sia stata per secoli osteggiata, nell’antichità troviamo donne di spicco che se ne sono occupate, con o senza l’approvazione maschile.

In “Medichesse” vediamo che le donne che si occupavano di cura e arte medica all’inizio dei tempi, potevano rientrare in tre categorie: dea, maga, strega. Donne di potere, esperte di erbe e pozioni, donne a cui ci si rivolgeva per lo più per un aiuto soprannaturale. Circe e Medea sono le prime che incontriamo, donne strateghe di vendette ed esperte nelle arti oscure e quindi temute, travisate dallo sguardo patriarcale del mito. Ci imbattiamo poi in Metrodora, pseudonimo sotto il quale si proteggeva probabilmene una bizantina, che ci ha lasciato “Sulle malattie delle donne”, il trattato medico più antico scritto da una donna. Passando poi per Trotula, Fabiola, Radegonda, Santa Idelgarda fino ad arrivare ad Isabella Cortese abbiamo una densa panoramica dell’attività medica nell’ambito femminile. Il volume non è solo arricchito di esempi tratti dagli scritti delle autrici, ma anche da bellissime immagini, dipinti di donne ed erbari, a colori e a tutta pagina.

L’autrice, laureata in archeologia, pur non avendo basi scientifiche, riesce a tenere bene le fila di questo saggio dal tema vasto e complesso che ha approfondito con una ricerca meticolosa. “Medichesse” è un’opera di divulgazione, ma soprattutto rimane un “omaggio al contributo fondamentale delle donne al sapere medico, erboristico e csometico della tradizione occidentale”. Per questi motivi lo propongo come lettura, perchè lontano dal proporre un revival del new age o di correnti simili. L’arte medica nasce da lontano, non scordiamolo.

Buona lettura!

Vulp

Singolar tenzone

Titolo: L’elettrone dimezzato

Autore: Gianfranco D’Anna

Editore: Edizioni Dedalo

ISBN: 978-88-220-1514-3

Pagine: 224

Il titolo di questo romanzo scientifico rimanda inequivocabilmente a “Il visconte dimezzato” di Italo Calvino, dove il protagonista è diviso nella sua parte buona e cattiva. In questo caso, invece, viene contesa la paternità tangibile di una minuscola particella, l’elettrone e la sua carica.

elettrone dimezzato

“l’elettrone dimezzato” di G. D’Anna. Credits

Siamo ad inizio Novecento e due sono le scuole di pensiero che animano la ricerca elettrica: chi sostiene che esista l’atomo e i suoi elettroni e chi invece è sicuro che non esista in quanto solo un modello teorico non verificabile.

Felix Ehrenhaft, giovane promettente professore austriaco, ha un obiettivo ambizioso: riuscire a dimostrare che l’elettrone esiste. Per farlo si serve degli articoli già pubblicati di Einstein e Perrin, del moto Browniano e dello strumento di misurazione di quest’ultimo, modificandolo per il nuovo studio. Dall’altra parte dell’oceano anche il poco stimato ma ambizioso professor Robert Millikan, ha deciso di dedicare la sua attenzione a questa ricerca, irta di pericoli.

Tra esperimenti e calcoli, Millikan e Ehrenhaft si danno battaglia. A chi andrà il merito di aver per primo dimostrato l’esistenza dell’elettrone?

Basandosi sulla vera storia della contesa tra due scienziati testardi e dalla forte personalità, Gianfranco D’Anna, fisico e scrittore, ne ordisce bene il confronto. La lettura procede alternando i capitoli tra Chicago e Vienna, seguendo le vicissitudini dei rispettivi laboratori. In un’epoca in cui non esistevano database come PubMed, il confronto, i congressi, la lettura degli articoli e anche il passaparola erano ancor più fondamentali per poter pubblicare e assicurarsi una carriera.

La lettura de “Lelettrone dimezzato” è piacevole, con quel pizzico di tensione che non guasta. Il glossario, che aiuta chi ha dimenticato il corretto significato di alcuni termini, e le indicazioni degli articoli scientifici consultati per la stesura del romanzo, ben si allineano con il concetto di “romanzo scientifico”. In conclusione, “L’elettrone dimezzato” è un buon romanzo, si legge senza sforzo, e mette in luce personalità meno conosciute rispetto ai famosissimi Einstein e Rutheford. Forse qualche lettore troverà amaro il lato più arrivista e competitivo dei due scienziati, ma D’Anna sa, come noi, che chi si occupa di scienza, sono tutti soltanto esseri umani.

Buon lettura!

Vulp