Aforisma in orbita

<<La scienza non serve che a darci un’idea di quanto sia vasta la nostra ignoranza>>.

Felicitè de Lamenais

Lamennais

Felicitè de Lamenais-teologo e filosofo. Credit

Annunci

QUANDO IL PROF FA I COMPITI

A fine anno scolastico nessun insegnante, e tantomeno gli studenti, vorrebbe pensare già a quello nuovo. Come dare loro torto? É pur vero d’altra parte, che durante i periodi di relax si è più ricettivi alle novità e anche progetti rimandati nel tempo possono ritrovare energia a sufficienza per essere portati a termine col ritorno a scuola. Magari, dando una occhiata anche fuori dall’Italia in un contesto di collaborazione europea tra e per gli insegnanti di materie scientifiche. In ambito europeo avevamo già parlato di “Eusea” e dei suoi progetti “nucleus” e “perform”, qui il link all’articolo.

science on stage imm

credit

Invece, questo grande progetto si chiama “Science on Stage” e nasce più di 10 anni fa. Si propone di mettere in contatto non solo gli insegnanti tra loro, ma anche di sostenere e migliorare la divulgazione scientifica a livello scolastico e scambiarsi proposte innovative per la didattica. Non è per nulla un piccolo progetto dal momento che coinvolge più di 10.000 insegnanti e più di 30 paesi. “Science on Stage” ha all’attivo numerosi progetti, workshop e festival che si tiene ogni due anni, il prossimo sarà a Cascais, in Portogallo, dal 31 ottobre al novembre 2019.

A questa grande fiera parteciperanno tantissimi insegnanti che avranno la possibilità di mostrare i loro progetti. Per poter partecipare ogni stato organizza una pre-selezione dei progetti, che devono necessariamente rientrare nelle tematiche proposte. Per l’Italia la scadenza è il 31 gennaio 2019; c ‘è tutto il tempo per organizzarsi tra insegnanti della stessa nazione o addirittura valutare una collaborazione con docenti europei. Dal momento che i progetti avranno tutti uno stand in fiera la lingua ufficiale sarà l’inglese. Durante il Festival ci sarà la possibilità di partecipare a workshop di 50′ per imparare nuove attività da ripetere in classe, mentre chi ha organizzato presentazioni sul palcoscenico, veri e propri show a tema scientifico per appassionare i ragazzi alle scienze, non dovrà superare i 20’.

Per chi volesse cimentarsi in questa avventura il bando e le attività connesse alla partecipazione sono coordinate dal National Steering Committee(NSC) il quale sarà responsabile di selezionare 11 partecipanti per l’Italia e di valutare i progetti presentati secondo i seguenti criteri di valutazione: “il carattere innovativo della proposta per l’insegnamento, la correttezza e l’approfondimento dei contenuti scientifici, l’originalità e l’efficacia comunicativa, il carattere pluridisciplinare, la spendibilità in più ambiti scolastici”.

Il sito di “Science on stage”, in lingua inglese, offre tutte le informazioni necessarie e anche materiali per gli insegnanti. Per questo, a tutti i Prof. auguro buono studio e in bocca al lupo a chi si butterà in questa nuova avventura!

Vulp

Fonti:

Scienge on Stage Europe

Science on Stage Italia

Singolar tenzone

Titolo: L’elettrone dimezzato

Autore: Gianfranco D’Anna

Editore: Edizioni Dedalo

ISBN: 978-88-220-1514-3

Pagine: 224

Il titolo di questo romanzo scientifico rimanda inequivocabilmente a “Il visconte dimezzato” di Italo Calvino, dove il protagonista è diviso nella sua parte buona e cattiva. In questo caso, invece, viene contesa la paternità tangibile di una minuscola particella, l’elettrone e la sua carica.

elettrone dimezzato

“l’elettrone dimezzato” di G. D’Anna. Credits

Siamo ad inizio Novecento e due sono le scuole di pensiero che animano la ricerca elettrica: chi sostiene che esista l’atomo e i suoi elettroni e chi invece è sicuro che non esista in quanto solo un modello teorico non verificabile.

Felix Ehrenhaft, giovane promettente professore austriaco, ha un obiettivo ambizioso: riuscire a dimostrare che l’elettrone esiste. Per farlo si serve degli articoli già pubblicati di Einstein e Perrin, del moto Browniano e dello strumento di misurazione di quest’ultimo, modificandolo per il nuovo studio. Dall’altra parte dell’oceano anche il poco stimato ma ambizioso professor Robert Millikan, ha deciso di dedicare la sua attenzione a questa ricerca, irta di pericoli.

Tra esperimenti e calcoli, Millikan e Ehrenhaft si danno battaglia. A chi andrà il merito di aver per primo dimostrato l’esistenza dell’elettrone?

Basandosi sulla vera storia della contesa tra due scienziati testardi e dalla forte personalità, Gianfranco D’Anna, fisico e scrittore, ne ordisce bene il confronto. La lettura procede alternando i capitoli tra Chicago e Vienna, seguendo le vicissitudini dei rispettivi laboratori. In un’epoca in cui non esistevano database come PubMed, il confronto, i congressi, la lettura degli articoli e anche il passaparola erano ancor più fondamentali per poter pubblicare e assicurarsi una carriera.

La lettura de “Lelettrone dimezzato” è piacevole, con quel pizzico di tensione che non guasta. Il glossario, che aiuta chi ha dimenticato il corretto significato di alcuni termini, e le indicazioni degli articoli scientifici consultati per la stesura del romanzo, ben si allineano con il concetto di “romanzo scientifico”. In conclusione, “L’elettrone dimezzato” è un buon romanzo, si legge senza sforzo, e mette in luce personalità meno conosciute rispetto ai famosissimi Einstein e Rutheford. Forse qualche lettore troverà amaro il lato più arrivista e competitivo dei due scienziati, ma D’Anna sa, come noi, che chi si occupa di scienza, sono tutti soltanto esseri umani.

Buon lettura!

Vulp

IL TALENT DEI CERVELLONI!

Se la scienza fosse un talent show, si chiamerebbe FameLab! Questo evento esiste dal 2005 grazie ai colleghi scienziati del Regno Unito che organizzarono un contest di divulgazione scientifica durante il Cheltenham Science Festival. L’idea piacque così tanto che oggi viene organizzata con successo in più di 30 paesi in tutto il mondo, grazie alla collaborazione del British Council.

famelab

credits

Ma di cosa stiamo parlando con esattezza? FameLab è un contest di comunicazione in cui ci si sfida a presentare, in soli tre minuti, un argomento scientifico.

FameLab è arrivato in Italia nel 2012 grazie al British Council e a Psiquadro-Perugia Science Fest. Possono partecipare studenti e ricercatori che abbiano tra i 18 e i 40 anni, che non abbiano vinto o partecipato alle finali di FameLab in anni precedenti e che non lavorino come professionisti nel campo della comunicazione.

L’evento è in lingua italiana ed è articolato in due fasi: la fase “locale” durante la quale avviene una prima scrematura e, a seguire, la selezione finale. I primi due classificati hanno l’opportunità di frequentare una masterclass per approfondire le tecniche di comunicazione e migliorare la propria performance sul palco. La seconda fase, la “finale nazionale”, vede competere i finalisti delle edizioni locali.

Il vincitore di FameLab Italia parteciperà al FameLab International al Cheltenham Science Festival sfidando i campioni di altre nazioni in un contesto di crescita e collaborazione multiculturale. Durante le varie fasi si porterà lo stesso argomento, ma verrà chiesto di modificare la forma della presentazione. Anche il lavoro sul proprio pezzo è a step successivi, ed è necessario valutare anche questo aspetto nel momento in cui si sceglie il tema.

A FameLab i partecipanti vengono giudicati da una commissione competente in ambito scientifico (no, niente opinionisti), che valuta in primo luogo l’accuratezza dell’argomento proposto. Viene apprezzata anche la chiarezza con cui sono espressi i concetti, tenendo conto di un pubblico adulto. Ed infine, sarà considerato anche il carisma, cioè l’energia e la passione con cui ci si presenta in questa competizione. Durante la presentazione è permesso utilizzare piccoli oggetti di scena per massimizzare la propria performance, ma non è possibile utilizzare diapositive.

Non è necessario avere un passato da teatrante, ma tanta voglia di mettersi in gioco in un contesto diverso dal laboratorio o dalle aule dell’università. Catturare e tenere alta l’attenzione per tre minuti non è facile come sembra, per questo suggerisco di guardare accuratamente i video dei vincitori delle edizioni passate, sia italiane che straniere, per studiare meglio la tecnica e la gestualità di comunicazione. Per questo 2018 FameLab Italia si è appena concluso e c’è tutto il tempo per prepararsi a quello del 2019! Pronti a partecipare?

Vulp

Fonti:

FameLab Italia

FameLab International